Top

Gino Sarfatti

Gino Sarfatti (1912, 1985) nasce a Venezia il 16 Settembre 1912. Il padre, Riccardo “Dick”, gestisce una fiorente rete commerciale. La madre Lucia, detta Micaela, appartiene alla famiglia triestina degli Zuccoli.

L’infanzia di Gino e dei suoi fratelli è segnata dall’agio economico e dall’ambiente cosmopolita della città lagunare. Nel 1930 si trasferisce a Genova per iscriversi alla facoltà di Ingegneria Aereonavale.

Nel frattempo tuttavia la situazione politica precipita. Nel 1935 il “fermo delle navi”, causato dalle sanzioni inflitte all’Italia dalla Società delle Nazioni, manda in rovina il padre.

A 23 anni Sarfatti è costretto a interrompere gli studi.

Si trasferisce a Milano e, nel febbraio del 1939, fonda Arteluce.

Il 6 Maggio dello stesso anno si unisce in matrimonio con Jolanda Marazza.

Arteluce ha aperto un punto vendita in corso Littorio, oggi corso Matteotti.

Nel 1943, a causa delle leggi razziali e dei bombardamenti su Milano, si rifugia con la famiglia in Svizzera. Immediatamente dopo la liberazione, rientra a Milano e riorganizza la produzione.

Nel 1950 compie un importante viaggio negli Stati Uniti, durante la sua assenza affida la direzione artistica di Arteluce a Vittoriano Viganò.

Nel 1953 il negozio viene completamente ristrutturato da Marco Zanuso e diventa centro di attenzione internazionale.

Nel 1954, i modelli 1063 e 1065 ottengono il “Gran Premio” alla X Triennale e il modello 559 vince il Compasso d’Oro.

L’anno seguente, il premio viene replicato con il modello 1055.

Nel 1962 Vittoriano Viganò progetta un nuovo negozio Arteluce in via della Spiga.

I grandi volumi di attività comportano un impegno spasmodico.

Alla produzione al dettaglio, sin dal 1949 si accompagna l’attività per l’export e per grandi realizzazioni. Le ultime sono le navi da crociera  Michelangelo e Raffaello e l’installazione a “nuvola” per il Teatro Regio di Torino.

Alla fine del 1973, Sarfatti decide di cedere Arteluce a Flos e si ritira a vivere nella casa di Griante sul lago di Como.

Muore il 6 marzo 1985.

Library, Andrea Doria cruise ship
Arteluce shop, Via della Spiga, Milan
Teatro Regio, Turin
2097 chandelier, 1958