Top

1960

Un'idea luminosa

Flos, che significa “fiore” in latino, ha come origine un pensiero luminoso: l’idea di far nascere da una lampadina oggetti adatti a cambiare il modo di abitare, non solo degli italiani.

Continua a leggere +
Achille e Pier Giacomo Castiglioni presentano le lampade Viscontea e Taraxacum a Marcel Breuer, Milano, 1962
Tobia Scarpa, 1961

1962

L’evoluzione di Flos

Come si può trasformare un’azienda in un laboratorio per rivoluzionare il concetto di “lampada”? Per Sergio Gandini, che comincia ad amministrare Flos nel 1963, l’impegno e la fantasia creativa potevano coesistere senza contraddizioni ed è stato proprio questo binomio a portare il marchio al successo.

Continua a leggere +
Disegno originale della lampada Arco di Achille e Pier Giacomo Castiglioni, 1962
Sergio Gandini con la lampada Snoopy, A. e P.G. Castiglioni, 1968

1972

Dal MoMA al mondo

La mostra “Italy, The New Domestic Landscape”, organizzata nel 1972 presso il MoMa di New York, il più importante museo di arte contemporanea in America, riscuote un grandissimo successo per la celebrazione della cultura dell’arte e del settore.

Continua a leggere +
Sergio Gandini e il suo avvocato Angelo Rampinelli presso il Tribunale di Roma per la prima azione legale per la contraffazione della lampada Arco, 1971
La lampada Toio nella collezione di design del MoMA, New York, 1972

1985

Miss Sissi e Gandini Junior

Per ogni grande successo bisogna correre dei rischi (oppure) avere il coraggio di scommettere. Alla metà degli anni ‘80, Sergio Gandini incontra un giovane Philippe Starck e accetta di produrre la sua lampada da favola, Arà.

Continua a leggere +
Philippe Starck con Piero Gandini in una Cadillac per la realizzazione della brochure Miss Sissi, 1992
A. Castiglioni, schizzo della lampada Taraxacum 88, 1988

2000

Da un millennio all'altro

Sotto la guida di Piero Gandini, Flos si concentra sull’armonia tra forme iconiche, artigianalità e tecnologia per la produzione di massa. Tuttavia, il passo decisivo verso il cambiamento arriva con la consapevolezza che gli oggetti contemporanei possono essere una forma di espressione, con tante interpretazioni stilistiche quante sono le lingue parlate in tutto il mondo.

Continua a leggere +
Achille Castiglioni e Piero Gandini, 2001
Konstantin Grcic, schizzo della lampada May Day, 2000

2005

Avanguardia e contemporaneità

Per Piero Gandini, sviluppare una nuova identità Flos significa avere il coraggio di fare delle scelte radicali. Affrontare l’invasione del LED nel mondo dell’illuminazione deve essere il primo passo nella seconda rivoluzione della produzione, avviata all’inizio del 2000 con l’acquisizione dell’azienda Antares di Federic Martinez.

Continua a leggere +
Jenny Holzer, mostra-evento “For the Academy”, in collaborazione con Flos, Fontana dell’Acqua Paola (Fontanone del Gianicolo), Roma, 2007
Philippe Starck con la collezione Guns, 2005

2017

Un Manifesto della luce

“Oggi come non mai dobbiamo trovare una sintesi tra emozioni, tecnologia, poesia, esigenze, messaggi, estetica e valori politici. Non si tratta semplicemente di cambiare tecnica, ma la società stessa e i nostri comportamenti, sia in pubblico sia in privato. Dobbiamo spingerci oltre le nostre capacità e la nostra immaginazione per migliorare la vita delle persone…

Continua a leggere +
Vincent Van Duysen, Infra-Structure, Flos Professional Space, Milano 2016
Michael Anastassiades con Arrangements, Euroluce 2017