Top

2000

Da un millennio all'altro

Sotto la guida di Piero Gandini, Flos si concentra sull’armonia tra forme iconiche, artigianalità e tecnologia per la produzione di massa. Tuttavia, il passo decisivo verso il cambiamento arriva con la consapevolezza che gli oggetti contemporanei possono essere una forma di espressione, con tante interpretazioni stilistiche quante sono le lingue parlate in tutto il mondo.

Così Gandini arruola i talenti più promettenti del design internazionale: dal “futuribile” australiano Marc Newson, con la Helice Lamp Flos (1993), al profeta inglese del design minimalista Jasper Morrison, fino a Konstantin Grcic, il più raffinato ed eclettico dei designer tedeschi.

Per qualche anno con Gandini collabora alla comunicazione e alle vetrine di Corso Monforte Bruno Le Moult, che gli presenta Starck: mentre la photostar Jean Baptiste Mondino realizza immagini insolite e affascinanti, per prodotti storici e nuovi. Quando al passaggio del millennio scompare il fondatore Sergio Gandini, Flos è già un’industria ben attrezzata per affrontare le sfide della globalizzazione.

 

by Stefano Casciani

Achille Castiglioni e Piero Gandini, 2001
Konstantin Grcic, schizzo della lampada May Day, 2000
Jean Baptiste Mondino con Philippe Starck
Schizzo di Bruno Le Moult per la facciata Flos
Vetrina del negozio di Milano in Corso Monforte di Bruno Le Moult